La Flat Tax incrementale 2023

La Flat Tax è un’imposta sostitutiva incrementale del 15% applicabile in via opzionale sui redditi 2023. L’aliquota fissa del 15% viene applicata sulla parte incrementale del reddito 2023 – per un massimo di € 40.000,00 – rispetto al maggiore dei redditi dichiarati nell’ultimo triennio (anno 2020, 2021, 2022).

Quali soggetti potranno applicare la Flat Tax?

I contribuenti, persone fisiche che esercitano attività d’impresa, arti o professioni, potranno valutare, limitatamente ai redditi percepiti per l’anno 2023, l’applicazione della Flat Tax.

I soggetti coinvolti potranno essere:

  • le persone fisiche che esercitano attività d’impresa;
  • gli imprenditori agricoli individuali limitatamente ai redditi d’impresa da attività agricola;
  • l’impresa familiare e l’impresa individuale limitatamente al titolare dell’impresa;
  • le persone fisiche che esercitano arti o professioni;
  • i soggetti che in regime forfettario nel corso dell’anno 2023 superano i 100.000,00 € di ricavi e compensi percepiti.

Quali soggetti sono esclusi dal regime opzionale?

  • Redditi di società di persone imputati ai soci per trasparenza;
  • redditi di società di capitali imputati ai soci a seguito dell’esercizio dell’opzione di trasparenza fiscale delle società a ristretta base societaria;
  • soggetti che applicano il regime forfettario.

Come si calcola l’imponibile per l’imposta sostitutiva?

L’imposta sostitutiva del 15% si calcola sull’incremento di reddito dell’anno oggetto di dichiarazione (2023) rispetto a quello più elevato degli ultimi tre anni (2020; 2021; 2022). L’incremento individuato deve essere decurtato del 5% del reddito maggiore del triennio.

Facciamo un esempio:

Reddito 2023 € 28.000
Anno 2020Anno 2021Anno 2022
€ 8.000€ 12.000€ 18.000
   
Incremento = € 10.00028.000 – 18.000 
Decurtazione 5% = € 90018.000 * 5% 
Flat Tax incrementale = € 1.365(10.000-900) = 9.100 *15% 
Reddito da assoggettare ad Irpef = 18.90028.000-9100 

Attenzione:

  • L’incremento non viene considerato ai fini contributivi;
  • L’incremento non rileva per le agevolazioni sul reddito;
  • L’incremento non viene considerato per gli acconti;
  • L’incremento è una opzione valida solo per l’anno d’imposta 2023.

Vuoi approfondire?

Altri Articoli recenti

Il concordato preventivo biennale

La recente riforma fiscale, con il D.Lgs. 2024, punta alla semplificazione degli adempimenti fiscali e alla collaborazione spontanea tra fisco e contribuente. Una delle novità

CONTINUA