KPI – Key Performance Indicators – perché sono importanti?

Cosa sono i KPI – Key Performance Indicators ? 

I KPI (Key Performance Indicators) sono indici specifici di misurazione grazie ai quali un’azienda riesce a valutare lo stato di avanzamento delle azioni realizzate per il raggiungimento degli obiettivi di business prefissati.

Qual è il loro obiettivo?

L’obiettivo dei KPI è fornire informazioni chiare e misurabili sulla performance aziendale. Il controllo regolare e periodico dei KPI consente all’imprenditore di prendere decisioni consapevoli ed intervenire tempestivamente per migliorare la pianificazione delle azioni volte a raggiungere gli obiettivi prefissati.

Quali caratteristiche devono avere i KPI una volta individuati?

I KPI sono uno strumento fondamentale e importante per l’azienda; è necessario che ogni KPI identifichi esattamente l’informazione da misurare. Ogni realtà aziendale deve avere propri indicatori in relazione alla tipologia di attività svolta. I KPI possono essere sia qualitativi che quantitativi e possono riguardare diverse aree aziendali quali ad esempio le vendite, il marketing, la produttività, la qualità, il servizio clienti, la gestione delle risorse umane e tante altre.

La misurazione costante nel tempo degli indicatori permette di monitorare il progresso delle azioni poste in essere per il raggiungimento degli obiettivi e di confrontare i risultati ottenuti con un benchmark di riferimento (parametro di riferimento) oppure con standard di settore.

E’ molto importante che ogni azienda selezioni alcuni KPI fondamentali in base alla propria attività e agli obiettivi di crescita strategica.

Qualche esempio di KPI quantitativo:

  • Margine di profitto (lordo o netto)
  • Clienti acquisiti
  • Produttività dei dipendenti
  • Numero azioni per vendere
  • Crescita dei ricavi
  • Riduzione dei costi in aree specifiche

Qualche esempio di KPI qualitativo:

  • la soddisfazione del cliente: misura la loro percezione e la soddisfazione rispetto al prodotto, al servizio offerto dall’azienda;
  • la qualità del prodotto: valuta la conformità del prodotto o del servizio rispetto agli standard di qualità predefiniti;
  • la reputazione: misura la reputazione e l’immagine tra clienti, partner commerciali o il pubblico in generale;
  • il coinvolgimento dei dipendenti: valuta il coinvolgimento, la motivazione e la soddisfazione attraverso sondaggi, feedback o valutazioni;
  • l’innovazione e la capacità dell’azienda di generare nuove idee, soluzioni o prodotti innovativi.
  • la responsabilità sociale e l’impegno dell’azienda verso la sostenibilità ambientale, la responsabilità sociale;
  • la formazione: elemento cruciale per lo sviluppo delle competenze e delle conoscenze del personale. Misura le competenze acquisite, la loro applicazione in ambito professionale e l’impatto sulle prestazioni aziendali
  • l’ affidabilità dell’area approvvigionamento: rispettare i tempi di consegna, la precisione degli ordini, la corretta gestione dei fornitori,
  • la qualità delle riscossioni: per misurare l’efficacia del processo di riscossione dei pagamenti;
  • l’aumento e fidelizzazione dei clienti: un solido portafoglio di clienti fedeli è fondamentale per la crescita e il successo a lungo termine.

Con l’utilizzo del metodo BSC (Balanced Scorecard) è possibile tenere costantemente monitorati i KPI aziendali analizzando le informazioni quantitative e qualitative che influenzeranno le future performance della tua impresa. Desideri ricevere una consulenza in merito? Contatta studio MTF.  

Vuoi approfondire?

Altri Articoli recenti

Il concordato preventivo biennale

La recente riforma fiscale, con il D.Lgs. 2024, punta alla semplificazione degli adempimenti fiscali e alla collaborazione spontanea tra fisco e contribuente. Una delle novità

CONTINUA